Andarsela a cercare

Perché Giorgio Ambrosoli è stato ucciso?

A questa scomoda domanda Giulio Andreotti ha risposto così: "Questo è difficile, non voglio sostituirmi alla polizia o ai giudici, certo è una persona che in termini romaneschi se l'andava cercando".

Questa frase mi ha raggelato ma non sopreso. E' nel personaggio.

Quello che invece ho trovato sorprendente, e mi ha rincuorato, è stata la reazione. Nessuno, per quanto ho visto, ha provato a difendere questa uscita, e Andreotti ha dovuto smentirsi, dichiarando di essere stato frainteso "intendevo fare riferimento ai gravi rischi ai quali il dottor Ambrosoli si era consapevolmente esposto", dice ora.

Neanch'io mi voglio sostituire alla polizia o ai giudici, ma basta ascoltare le registrazioni di due telefonate fatta dall'assassino di Ambrosoli alla sua vittima per farsi un'idea della vicenda.

Nessun commento: