Un anno di omicidi

Per capire un po' come va la delinquenza in Italia, si può dare un occhiata alle statistiche degli omicidi compiuti in Italia, secondo delitti imperfetti, un sito un po' macabro ma che ha il pregio di dare informazioni sul quel che succede nel campo dal 2006 a oggi.

Alcune informazioni che mi sono sembrate degne di nota: nell'anno sono stati commessi un buon 600 omicidi, di cui attualmente solo circa il 60% sono stati risolti (dunque uno su tre resta impunito). I dati sono stabili su tutti gli anni considerati.

Un omicidio su quattro é considerato di origine mafiosa, che risulta essere la principale ragione per cui si muore ammazzati in Italia. Stessi valori per l'anno precedente, mentre nel 2006 si stava sul 15% (uno su sette).

Interessante notare (per un lombardo come il sottoscritto) che la Lombardia é la seconda regione per omicidi, dietro la Campania, ma prima della Calabria. Sicilia e Puglia - le altre due regioni notoriamente dominate dalla delinquenza mafiosa, seguono staccate.

Vale la pena di notare anche la nazionalità degli aggressori. Tre volte su quattro a uccidere é un italiano. Una volta su venti si tratta di un romeno.

Nessun commento: