La pioggia prima che cada

Da La pioggia prima che cada di Jonathan Coe p.163 (trad. Delfina Vezzoli - Feltrinelli Editore):

Erano più di dieci anni che non viaggiavo su queste strade. Sembravano assolutamente familiari; e allo stesso tempo assolutamente estranee e lunari. Non riuscivo a conciliare queste due sensazioni. Ricordo questo sentimento - questo pensiero - con estrema chiarezza. La consapevolezza che a volte é possibile - se non necessario - coltivare idee contraddittorie; accettare la verità di due cose che si contraddicono a vicenda. Stavo solo iniziando a capirlo: a riconoscere che questa é una delle condizioni fondamentali della nostra esistenza. Quanti anni avevo? Trentatré, ne avevo. E dunque sì: si può dire che avevo appena cominciato a crescere.

Nessun commento: