Lo stato dell'aria

Leggo su varesenews che si vogliono installare tre centraline di rilevamento per la qualità dell'aria a Tradate. Quindicimila euro e rotti che, dice il vicesindaco Pipolo, é necessario spendere per controllare l'aria che respiriamo.

Leggo pure, dal sito di Lega Ambiente Tradate, un paio di articoli, uno che denuncia l'abbattimento di alberi secolari, che pare finalizzata all'ennesima speculazione edilizia nel tradatese "... il progetto, presentato in comune dal settembre 2008 dalla proprietà per la costruzione nel parco di una “valanga di cemento” decine di mega ville per milionari. ... non si risparmia nemmeno il bellissimo parco anteriore alla Villa, ne rimane una residua parte, menomata ed insignificante."

L'altro parla della qualità dell'aria nella zona. Mancando dati recenti tradatesi, fa ricorso a quelli ottenuti da una recente campagna di misurazione fatta a Venegono Inferiore, misure che poi sono state paragonate dall'ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente) ai valori misurati dalle centraline fisse di Saronno, Varese, Gallarate e Busto Arsizio. Estrapolando la conclusione che i valori degli agenti inquinanti sono più o meno gli stessi in tutta la zona. Un poco più bassi dove ci sono più alberi attorno, più altri dove la pressione antropica é più alta.

Un risultato ragionevole, dato che viviamo in una specie di catino (noto anche come pianura padana) caratterizzato dalla mancanza di ricambio d'aria.

A che scopo, mi vien da chiedere, spendere quindicimila euro per ottenere un risultato che già si conosce? La risposta che mi viene in mente é che la spesa dimostra che si sta facendo qualcosa per un problema che abbiamo tutti sotto il nostro naso. L'aria puzza.

Non si potrebbe spendere quei soldi in maniera più utile? E, soprattutto, non si potrebbe evitare di abbattere alberi? Evidentemente no, dato che ci sono interessi più stringenti, a livello economico, che spingono in quella direzione.

Ma allora quei quindicimila euro sono semplicemente sbattuti via per prendere tempo?

Nessun commento: